domenica 9 ottobre 2016

Foggia Akragas a reti bianche, un pareggio amaro che fa riflettere

di Nico Baratta

Ancora una battuta d’arresto, dopo quella di domenica scorsa contro il Matera di Auteri, da parte del Foggia. Ed ancora contro una squadra allenata da un esperto di squadre in Lega Pro, Mister Di Napoli. Ci sarà un nesso o una défaillance da parte di Mister Stroppa? Non lo sappiamo. Certo è che la squadra scesa in campo oggi allo Zaccheria, per l’ultima volta a porte chiuse, ha mostrato fatica nel gioco, confusione e irrimediabilmente mancanza di rifinitura nelle fasi salienti sotto porta avversaria. Un rigore sbagliato e molti palloni intercettati e utilizzati come offensiva da parte dei siciliani sono state le azioni che hanno caratterizzato il match. Tuttavia il Foggia conserva la vetta della classifica con 20 punti in compagnia del Lecce. A 4 lunghezze c’è la Juve Stabia che domenica si scontrerà con i Rossoneri. C’è da riflettere poiché in campo si son visti calciatori stanchi, non performanti e intesi tra loro. Mancava Sarno ma non è un motivo di scarsa prestazione. Comunque un calo ci può essere dopo 6 partite tutte al massimo della prestazione e una di defaticamento. Il campionato è lungo e rincorrere primati non è l’obiettivo da raggiungere. Stroppa lo sa e saprà colmare il gap. 

Il Primo Tempo è all’insegna del gioco dei padroni di casa. L’Akragas fa muro a centrocampo e sfrutta ogni pallone perso dai Satanelli. Al sesto Agnelli impegna Pane con un tiro centrale e dal settimo cerca la rete negata da un difensore. Poi è la volta di Angelo che sfiora il palo. Fin qui il Foggia c’era. L’Akragas capisce la tattica e chiude il gioco al centrocampo. Azioni dall’una e l’altra parte senza conclusioni di rilievo. Solo Letizia per i foggiani tenta la conclusione senza riuscirvi. Ma l’Akragas non ci sta e prima della fine della frazione di gioco è Salvemini a impegnare la difesa rossonera costretta a difendersi a denti stretti con Guarna sempre sul chi va là.

Il Secondo Tempo inizia con un Foggia determinato a segnare. Vacca di testa segna ma è fuorigioco e dopo un minuto Rubin sfiora la destra del palo difeso da Pane. Sembra il preludio per il vantaggio e pare lo sia. Verso il 52esimo Pane stende Rubin nell’area piccola: è calcio di rigore. Sul dischetto va Mazzeo, ben conosciuto da Pane, che conclude appena fuori sul palo alla sinistra dell’estremo difensore siciliano. Era l’occasione per chiudere un match sofferto, ed invece…. Il Foggia attacca da ogni parte ma senza rifiniture tali da servire chi deve rifinire. I siciliani non demordono e attaccano su ogni pallone perso dai padroni di casa. Al 72esimo Pezzella dal limite fa volare Guarna che salva il risultato in extremis. Sul corner poi è la vota di Russo che di testa impegna il portiere rossonero. Si rivede il Foggia in area avversaria e Letizia impegna Pane che devia con i piedi. Mister Stroppa finalmente intuisce che è ora di cambiare e manda in campo Quinto, Sainz-Maza e Padovan al posto rispettivamente di Agneli, Chiricò e Riverola. Nulla da porre in evidenza, il gioco rimane il solito e le occasioni tardano a venire, o meglio a essere costruite. Termina il secondo tempo dopo 5 minuti. Vacca istintivamente “serve” il pallone all’arbitro il signor Fabio Schirru di Nichelino con impeto e sulle braccia; espulso per doppia ammonizione e probabilmente salterà il match contro la Juve Stabia, nella difficile terra campana di Castellamare di Stabia.

Insomma, una partita a rete inviolate, bianche come la prestazione di un Foggia sembrato stanco.  

Tabellino di Gara.

Stadio Pino Zaccheria a Foggia
FOGGIA – AGRAGAS 0-0

FOGGIA: Guarna, Angelo, Rubin, Agnelli (68′ Quinto), Martinelli, Empereur, Chiricò (68′ Sainz-Maza), Vacca, Mazzeo, Riverola (76′ Padovan), Letizia.
A disposizione: Sanchez, Coletti, Dinielli, Agazzi, Gerbo, Sicurella, Sansone, Tucci.
Allenatore: Giovanni Stroppa.

AKRAGAS: Pane, Sepe, Marino (58′ Carrotta), Carillo, Russo, Pezzella, Coppola (68′ Assisi), Zanini, Gomez, Salvemini (72′ Cocuzza), Longo.
A disposizione: Addario, Riggio, Privitera, Palmiero, Garcia, Cochis.
Allenatore: Raffaele Di Napoli.

ARBITRO: Fabio Schirru di Nichelino.
ASSISTENTI: Tommaso Diomaiuta di Albano Laziale e Riccardo Fabbro di Roma 2.
AMMONITI: Chiricò (F), Pane (A), Vacca (F), Assisi (A), Carillo (A)
ESPULSO: 94′ Vacca (F) per doppia ammonizione, 95′ Guarna (F)
ANGOLI: 7-2
RECUPERO: 0’pt + 5’st
NOTE: Gara giocata a porte chiuse. Mazzeo (F) ha fallito un rigore al 52′

[Nella foto l rigore sbagliato da Mazzeo a cura di Gianni Fontana]

0 commenti:

Posta un commento

Advert

Luca Zichella
affariok

Seguici su FB

Advert

AFFARIOK

Cult.time newsletter

News Liquida

Powered by Blogger.

Culttime blog 2.0

Contatti Feed RSS Facebook Twitter pinterest Tumblr Facebook

Visite

free counters

Social

http://www.wikio.it
BlogItalia - La directory italiana dei blog
Personal-Journals blog